I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di RicetteUmbre.com. Ulteriori informazioni  Ho capito

Torta al testo

storia_torta_al_testo.jpg
  • Categoria: Antipasti
  • Autore: Sonia e Vanda
  • Pubblicazione: 22/02/2009
Lista della spesa Stampa Aggiungi al ricettario

La torta al testo ha origini antichissime. Nasce come alternativa non lievitata al pane tradizionale.

Ne esistevano due varianti, quella di grano, più popolare, e quella di granoturco, utilizzata dalle famiglie benestanti. Il piano di cottura, un disco dello spessore di circa 3cm, è chiamato testo dal latino "testum", ovvero la tegola in laterizio sulla quale, nella Roma antica, venivano cotte le focacce.

Originariamente si fabbricava in casa scolpendo grosse pietre refrattaie oppure modellando un impasto di argilla e ghiaia finissima, mentre oggi è possibile acquistarlo in ghisa o cemento.

[Fonte: Abitante di Catiglion del Lago (PG)]

Ingredienti per una torta

Preparazione

  1. Sulla spianatoia mettere la farina e formare una cavità centrale nella quale aggiungere le uova e i formaggi
  2. Unire l’olio, il latte e il lievito sciolto in un po' di latte tiepido
  3. Mescolare accuratamente e con l’aiuto dell’ acqua tiepida amalgamare con cura fino ad ottenere una pasta soffice e omogenea
  4. Dividere l’impasto in due parti e stenderle sulla spianatoia formando due pizze rotonde alte circa 1 cm
  5. Contemporaneamente scaldare il testo sul gas, cospargendolo di farina (quando la farina si colora il testo è pronto per la cottura)
  6. Mettere la torta sul testo, bucarla con i rebbi di una forchetta ed abbassare il fuoco sotto il testo
  7. La torta sarà cotta quando sarà lievitata e ben colorata
  8. Può accompagnare salumi e secondi di carne con sugo
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

Hai già visto queste altre ricette?

Ciao Guest  

Registrandoti al sito potrai creare un tuo ricettario ed avere un tuo profilo

Eventi in Umbria

Eventi in caricamento...

Condividi